#PARLIAMODITEATRO “L’amore per le cose assenti” – testo e regia di Luciano Melchionna

Posted by falegname_new - in Blog - No Comments
Dopo il debutto in prima nazionale il 12 settembre scorso durante il Benevento Città Spettacolo, arriva a Napoli, al Teatro Nuovo, dal 27 al 29 novembre, L’ Amore per le cose assenti, il nuovo spettacolo scritto e diretto da Luciano Melchionna. In scena tre personaggi, Her, attrice violinista nella parte del Prologo/Epilogo, Autilia Ranieri è Lei, Giandomenico Cupaiolo Lui. I tre raccontano la storia di due amanti, che finisce chiaramente per essere la storia di chiunque è lì, seduto a guardare, a "subire", a smuovere ciò che di proprio riconosce, e sembra di assistere alla "vita" di tutti i Lui/Lei che si incontrano nel mondo Giulia, Lei, compie quarantasei anni, è il giorno del suo compleanno. A parte le rughe da cancellare con ogni trattamento di bellezza possibile, ‘dentro’ non è cambiata molto da quando ne aveva venti: continua a ‘camminare scalza’ in giro per il mondo, come una bimba, e a cercare il principe azzurro che la prenda in braccio. Il suo secondo marito, perché il primo matrimonio è naufragato velocemente, ha organizzato per lei una bellissima festa… ma non ha invitato nessuno. Vuole restare solo con la moglie, occhi negli occhi, per dirle addio. Parte da questa necessità il nuovo testo scritto dal regista di Latina, un'esigenza di onestà dei sentimenti, al di là dei sensi di colpa che fin troppo condizionano i nostri legami, le nostre vite. Ed è lì che il testo diventa anche denuncia di una realtà fin troppo confezionata, orribilmente falsata, dove nessuno è capace di vivere a pieno la verità che sente. Bisognerebbe infatti cominciare a guardarci negli occhi, da soli, anche senza uno specchio, ed a riconoscersi, e non pensare che sia sbagliato commettere errori o avere delle “perversioni”, ma a riconoscere l’urgenza di avere il meglio, l’evolvere, l'accettarsi per ciò che si è, in pieno. Un prologo e un epilogo, magistralmente interpretato da Her, alla maniera greca, si fa portavoce delle parole dell’autore, creando, ancora una volta, come tipico del teatro di Melchionna, un rapporto dialogico con il pubblico, fino alla provocazione finale nella quale chi è seduto è come "messo alla prova": “Beh? Che fate lì fermi? Spiate la loro intimità? Guardoni pure, ora? Non vi basta aver annusato a lungo nei loro panni sporchi? Esservi specchiati nello smarrimento del loro malessere? Dite la verità: vi siete riconosciuti, qua e là? Andrete a casa riflettendoci su, come spero? Cercherete di migliorare la qualità dei vostri rapporti… ?” Queste sono le parole dell’epilogo e questo è ciò che ognuno dei presenti è portato a vivere: un coinvolgimento totale che porterà forse, un giorno, ad un finale diverso dello spettacolo stesso, perché chi vuole, è invitato a scrivere una mail alla fine raccontando ciò che ha vissuto, ciò che ha “ascoltato", ciò che ha visto dentro ma non sulla scena, perché il tutto si conclude con un "forse", così come ognuno di noi al forse rimanda la propria vita. Grande prova di tutti gli interpreti, e confermata in pieno la poeticità di Luciano Melchionna, scrittura tagliente del nuovo teatro italiano.Dopo il debutto in prima nazionale il 12 settembre scorso durante il Benevento Città Spettacolo, arriva a Napoli, al Teatro Nuovo, dal 27 al 29 novembre, L’ Amore per le cose assenti, il nuovo spettacolo scritto e diretto da Luciano Melchionna.
In scena tre personaggi, Her, attrice violinista nella parte del Prologo/Epilogo, Autilia Ranieri è Lei, Giandomenico Cupaiolo Lui.
I tre raccontano la storia di due amanti, che finisce chiaramente per essere la storia di chiunque è lì, seduto a guardare, a “subire”, a smuovere ciò che di proprio riconosce, e sembra di assistere alla “vita” di tutti i Lui/Lei che si incontrano nel mondo
Giulia, Lei, compie quarantasei anni, è il giorno del suo compleanno. A parte le rughe da cancellare con ogni trattamento di bellezza possibile, ‘dentro’ non è cambiata molto da quando ne aveva venti: continua a ‘camminare scalza’ in giro per il mondo, come una bimba, e a cercare il principe azzurro che la prenda in braccio. Il suo secondo marito, perché il primo matrimonio è naufragato velocemente, ha organizzato per lei una bellissima festa… ma non ha invitato nessuno. Vuole restare solo con la moglie, occhi negli occhi, per dirle addio.
Parte da questa necessità il nuovo testo scritto dal regista di Latina, un’esigenza di onestà dei sentimenti, al di là dei sensi di colpa che fin troppo condizionano i nostri legami, le nostre vite. Ed è lì che il testo diventa anche denuncia di una realtà fin troppo confezionata, orribilmente falsata, dove nessuno è capace di vivere a pieno la verità che sente. Bisognerebbe infatti cominciare a guardarci negli occhi, da soli, anche senza uno specchio, ed a riconoscersi, e non pensare che sia sbagliato commettere errori o avere delle “perversioni”, ma a riconoscere l’urgenza di avere il meglio, l’evolvere, l’accettarsi per ciò che si è, in pieno.
Un prologo e un epilogo, magistralmente interpretato da Her, alla maniera greca, si fa portavoce delle parole dell’autore, creando, ancora una volta, come tipico del teatro di Melchionna, un rapporto dialogico con il pubblico, fino alla provocazione finale nella quale chi è seduto è come “messo alla prova”:  Beh? Che fate lì fermi? Spiate la loro intimità? Guardoni pure, ora? Non vi basta aver annusato a lungo nei loro panni sporchi? Esservi specchiati nello smarrimento del loro malessere? Dite la verità: vi siete riconosciuti, qua e là? Andrete a casa riflettendoci su, come spero? Cercherete di migliorare la qualità dei vostri rapporti… ?
Queste sono le parole dell’epilogo e questo è ciò che ognuno dei presenti è portato a vivere: un coinvolgimento totale che porterà forse, un giorno, ad un finale diverso dello spettacolo stesso, perché chi vuole, è invitato a scrivere una mail alla fine raccontando ciò che ha vissuto, ciò che ha “ascoltato”, ciò che ha visto dentro ma non sulla scena, perché il tutto si conclude con un “forse”, così come ognuno di noi al forse rimanda la propria vita.
Grande prova di tutti gli interpreti, e confermata in pieno la poeticità di Luciano Melchionna, scrittura tagliente del nuovo teatro italiano.
Andrea Fiorillo
#parliamodiTeatro 

Comments are closed.

  • Segui la Nostra Pagina e diventa Fan!

  • Servizi Extra

    • book fotografico
    • curriculum video
    • coaching per provini
    • lezioni individuali
    • scuola recitazione napoli
    • scuola teatro napoli
    • seminari e workshop
    • corso di critica teatrale